Facebook dice addio all’EdgeRank

 In Social News

Continuano in grande stile le novità in casa Facebook. La società di Mark Zuckerberg ha infatti comunicato importanti modifiche all’algoritmo che gestisce il News Feed, novità che avranno notevoli ripercussioni sulle visualizzazioni di post e notizie.

Dato l’enorme numero di contenuti provenienti da pagine e amici un algoritmo diventa indispensabile per “filtrare” i contenuti da noi visualizzati.
L’EdgeRank, ovvero l’algoritmo fino ad ora utilizzato, si fondeva sui principi di affinity (il rapporto amicale), weight (le interazioni ricevute da un post) e time decay (priorità cronologica).
Il nuovo sistema invece, pur mantenendo alcuni di questi elementi, opera attraverso un punteggio calcolato sulla base dei comportamenti del singolo utente (quanto spesso si è interagito con un amico/pagina o anche con un certo tipo di post, i like, i commenti, le condivisioni ricevute,  ecc).

facebook nuovo algoritmo

Ma la vera novità è la minore rilevanza della “freschezza” dei post: i contenuti cronologicamente più datati (contenuti che l’utente avrebbe potuto visualizzare solo se connesso all’atto della pubblicazione) potranno essere visibili se avranno interazioni. Questo innovativo metodo chiamato Story Bumping stando a Facebook ci permetterà di vedere il 70% dei post pubblicati (prima era solo il 57%) e porterà ad un incremento delle interazioni (like, commenti e condivisioni) del 5% per le storie degli amici e del 8% per quelli delle pagine.

Non solo. Fa il suo ingresso in grande stile anche il Last Actor, meccanismo che darà peso alle 50 interazioni più recenti così da privilegiare successivamente i contenuti provenienti da persone e/o realtà con i quali abbiamo interagito maggiormente.

facebook algoritmo last actor

Last but not least la funzione (non ancora disponibile) del Chronological Ordering, la quale permetterà ordinare cronologicamente gli update di stato frequenti e successivi scritti dai nostri contatti più stretti (utilissimi per commenti ad un evento live).

Modifiche certamente importanti queste, che vanno nella direzione di concedere maggiore visibilità ai contenuti organici a scapito di quelli pubblicitari, ai quali non viene applicato questo algoritmo. Una volontà di rendere sempre migliore l’esperienza, evitando l’eccessiva esposizione di contenuti (a volte al limite dello spam).

Post by Matteo Pogliani

Matteo Pogliani
Toscano di nascita ma lombardo di adozione, ho parlato prestissimo e non ho più smesso. #socialmedia & #web strategist at @Open_Box - blogger at @ninjamarketing
Recommended Posts

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.

Start typing and press Enter to search